FestAmbiente Paestumanità

Dal 27 al 29 giugno la città di Capaccio- Paestum capitale dell’ecologia, della cultura, dell’arte e della solidarietà. Trenta artisti e circa quaranta ospiti, tra scrittori, registi, musicisti ed esperti internazionali.

Per tre giorni Paestum diventa la capitale dell’ecologia, dell’arte, della cultura, del buon cibo e della solidarietà con incontri, proiezioni, stand, degustazione prodotti tipici e biologici, musica, spazi dedicati ai bambini e ai disabili: buone pratiche e tutela della bellezza.

Un evento diffuso su tutto il territorio pestano, compresi i siti fuori le mura, come l’Heraion di Hera Argiva, per praticare forme diversificate di fruizione delle aree cardine del progetto “Paestumanità”, l’azionariato ambientale promosso da Legambiente per acquistare i terreni privati dell’area archeologica ripristinando il contesto paesaggistico nella sua interezza. Dalla passeggiata in bicicletta al cinema all’aperto, dai dibattiti al buon cibo della campagna, dalla silent disco in riva al mare e nell’area archeologica alla land art. legambiente Paestumanità

Sarà anche assegnato per la prima volta il Premio PaestUmanità, a una buona pratica di gestione del territorio in provincia di Salerno, come sarà la prima volta anche per il Premio PaestOscenità, per disapprovare, invece, le cattive pratiche che sono state portate avanti durante quest’anno.

L’inaugurazione di FestAmbiente Paestumanità – realizzata con il patrocinio della Soprintendenza per i beni archeologici di Salerno, Avellino, Benevento e Caserta, della Città di Capaccio, della Provincia di Salerno, del Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano e dell’Ente Riserva Foce Sele, Tanagro, Monti Eremita e Marzano – si terrà venerdì 27 giugno alle ore 17, presso il Giardino del museo dell’area archeologica. Saranno presenti Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale Legambiente; Michele Buonomo, presidente Legambiente Campania; Italo Voza, sindaco Comune di Capaccio- Paestum; Marina Cipriani, direttrice Museo archeologico nazionale di Paestum e Pasquale Longo, presidente circolo Freewheeling Paestum. Con l’occasione sarà anche presentato il progetto Bellezza Italia, realizzato da Legambiente e dal Gruppo Unipol, alla presenza di Marisa Parmigiani, responsabile sostenibilità del Gruppo Unipol.

Un progetto che prevede come sua prima azione proprio la realizzazione del “Sentiero degli argonauti”, un percorso che collega il decumano dell’antica città di Paestum e Porta Marina all’Oasi dunale di Torre di Mare, ampliando la fruibilità dell’area archeologica e restituendo alla colonia il suo antico rapporto con il mare. Un percorso accessibile anche a disabili e non vedenti, dotato di pannelli informativi fino alla spiaggia, con l’obiettivo di riscoprire e valorizzare Paestum, la sua bellezza e il suo mare e tutelare così le bellezze del Paese.

Il programma completo è disponibile sul sito www.paestumanita.it