La Giornata Mondiale del Rifugiato

All’Arci di Salerno la Giornata Mondiale del Rifugiato.

Lunedì 20 giugno 2016 in via Porta Catena 62, in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, iniziativa all’insegna della solidarietà e dell’integrazione con il coinvolgimento di rifugiati, richiedenti asilo, comunità di migranti promossa dall’Arci di Salerno.

In occasione della ricorrenza del 20 giugno che si celebra in tutto il mondo sotto l’egida dell’UNHCR, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati,  l’Arci Salerno ha organizzato una giornata nel segno della festa, dell’accoglienza e dell’integrazione.giornata mondiale del rifugiato

Si parte dalle ore 15.00 con il laboratorio musicale a cura di Maurizio Capone leader del gruppo “Bungt&Bangt”: giovani immigrati ospiti delle comunità di accoglienza a Salerno e in provincia e ragazzi di Salerno saranno coinvolti in un workshop dedicato alle percussioni con l’utilizzo di strumenti realizzati con materiali di riciclo.
Alle 17:30 è in programma la presentazione del progetto IkeaLovesEarth, un’iniziativa svolta in tutta Italia nell’ambito della quale l’Ikea di Baronissi ha voluto donare all’ARCI di Salerno sei mobili personalizzati per l’occasione dall’artista Teresa Sarno. I mobili saranno successivamente collocati in uno degli alloggi che ospitano i Rifugiati in città. Nell’occasione saranno anche presentate tutte le iniziative in collaborazione tra Ikea Baronissi ed ARCI Salerno in favore dei Rifugiati, con la presenza di Daniel Vinci, custom relation manager del negozio Ikea.

Alle 18:30 si prosegue con il dibattito “L’accoglienza e l’integrazione dei migranti, oltre l’emergenza: l’esperienza di Salerno” con la partecipazione del Sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli, dell’Assessore alle Politiche Sociali Nino Savastano, di Modesta Pecoraro de “La Tenda”, del Presidente di ARCI Salerno Francesco Arcidiacono e della presidente regionale ARCI, Francesca Coleti.

Infine, dalle 20:30 il buffet multietnico con i piatti tradizionali dei paesi d’origine preparati dagli stessi rifugiati, ospiti della città di Salerno.

Nell’occasione, in collaborazione con la pizzeria “Resilienza” di Salerno, saranno offerte ai salernitani le pizze preparate da due giovani rifugiati che hanno imparato il mestiere di pizzaiolo durante la loro permanenza in città. A seguire, musica dal vivo con Mihretu Ghide & Panacea, progetto che unisce Eritrea e Italia e che vede sulla scena uno dei primi Rifugiati accolti a Salerno dall’ARCI, Mihretu Ghide.

In programma anche le esibizioni di giovani rapper e vocalist che vivono a Salerno nelle comunità di accoglienza dei migranti.

L’ARCI di Salerno, da dieci anni si occupa di accoglienza e integrazione dei Rifugiati politici al fianco del Comune di Salerno nell’ambito della rete nazionale dello SPRAR -Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati.