Salerno, Giornata della Memoria 2015

Il giorno del ricordo – lunedì 26 gennaio 2012 ore 20.00 Chiesa di Sant’Apollonia, Salerno.
In occasione della ricorrenza del Giorno della Memoria l’Associazione Daltrocanto e l’ANED -Associazione Nazionale Ex Deportati nei Campi nazisti , in collaborazione con il laboratorio creativo StudioApollonia, organizzano a Salerno una serata di musica, immagini e riflessioni a partire dalla figura artistica e dalla storia familiare di Piero Nissim.

Con inizio alle ora 20:00, presso la Chiesa in via San Benedetto, Piero Nissim presenterà il suo concerto “Ricordare cantando” nel quale canti yiddish, ebraici e della memoria attinti direttamente dall’infanzia e dalle radici familiari – la madre era un’ebrea lituana – si alterneranno a altri da lui stesso scritti come il brano di “Giorgio e Gino“, dedicato a suo padre Giorgio Nissim e a Gino Bartali entrambi attivi nella Resistenza civile al nazifascismo.giornata della memoria 2015
La storia e la coraggiosa azione di Giorgio Nissim sarà, inoltre, ripercorsa attraverso la proiezione del documentario “Giorgio Nissim. Un eroe semplice” di Vera Paggi. Contribuiranno alla riflessione Antonio Giordano – presidente dell’Associazione Daltrocanto, Erminia Pellecchia – giornalista, Alfonso Conte – docente di Storia Contemporanea Università degli Studi di Salerno.

Note biografiche

Piero Nissim
Dal 1967 al 1970 fa parte del Nuovo Canzoniere Italiano e tiene concerti in tutta la Toscana con Rosa Balistreri e Caterina Bueno. Per “ I Dischi del Sole “ incide due LP con brani suoi e di altri autori, il primo disco con la direzione artistica di Giovanna Marini, il secondo di Gualtiero Bertelli. Dopo un lungo periodo dedicato al teatro, nel 2005 torna a cantare in pubblico, con un concerto di canti Yiddish e canti ebraici – “Mayn Lidele” – in cui ripropone le musiche che, ascoltate fin dall’infanzia, hanno fatto da substrato alla sua formazione artistica e musicale. Nel 2008 pubblica il CD “Giorgio e Gino. Canti di memoria e di speranza” dedicato al padre Giorgio e a Gino Bartali; nel 2011 “Bialik e gli altri. La poesia ebraica come testimone” su testi poetici tradotti da Jack Arbib, da lui musicati con armonizzazioni di Arduino Gottardo; nel dicembre 2012 un nuovo CD di Lieder del Romanticismo Tedesco, (sue le musiche), accompagnato al pianoforte dal M° Franco Meoli, che ha curato le armonizzazioni, e la partecipazione straordinaria di Carla Rita Vero, mezzosoprano all’Opera di Parigi.

Giorgio Nissim
Ebreo di Pisa (1908-1976) fu, tra il 1943 e il 1944, il principale animatore in Toscana della Delasem, rete clandestina dedicata all’assistenza degli ebrei stranieri di passaggio in Italia. Con la sua opera riuscì a salvare almeno 800 ebrei che diversamente sarebbero stati deportati e uccisi nelle camere a gas. Giorgio Nissim – le cui memorie sono narrate nel libro “Giorgio Nissim. Memorie di un ebreo toscano (1938-1948)”, a cura di: Liliana Picciotto, Carocci, 2005 – ha ricevuto nel 2003 il Gonfalone d’argento della Regione Toscana alla memoria e nel 2006 la medaglia d’oro della Repubblica Italiana alla memoria al Valor Civile.