Progetto 0-3

Informazione,  sostegno e orientamento alle famiglie con figli affetti da Sindrome di Down.    Si conclude mercoledì 9 luglio 2014 alle ore 20,00 presso la sede dell’associazione Pianeta 21, a Parco Arbostella- Salerno  con un Galà il “Progetto 0-3”.

Un percorso di intervento precoce nella stimolazione dei bambini con la Sindrome di Down e di sostegno alle famiglie con orientamento ai servizi promosso dall’Associazione di Genitori e familiari di persone con sindrome di Down – Pianeta 21 e sostenuto da Sodalis CSV Salerno nell’ambito di Pratiche di Sussidiarietà – percorsi di progettazione sociale.

Durante la serata saranno ospiti diversi esponenti istituzionali e del terzo settore e saranno resi i noti i risultati del progetto, che costituisce un’esperienza innovativa nell’ambito del sostegno alle famiglie  ed un’eccellenza nell’ambito degli interventi per lo sviluppo dei bambini dai sei mesi ai tre anni con sindrome di Down.

Grazie al raccordo tra i punti nascita, soprattutto della Terapia Intensiva Neonatale di Salerno e Battipaglia e l’associazione Pianeta
21 Salerno con il “progetto 0-3” si è riusciti a dare una risposta alle famiglie proprio nel momento più delicato: quello della nascita che spesso coincide con la diagnosi di Sindrome di Down per il nascituro e dopo il quale le famiglie dopo la dimissione venivano lasciate in totale solitudine.

Progetto 0-3 ha supportato le famiglie informandole sui servizi offerti loro in ambito pubblico e sull’utilità di un intervento precoce nelle attività di stimolazione soprattutto sotto l’aspetto cognitivo. Più di 10 le famiglie che hanno seguito questa prima parte del percorso progettuale.

pianeta 21_ webL’associazione Pianeta 21 opera a Salerno dal 2012 ed è impegnata a promuovere sul territorio una vera cultura dell’integrazione e di valorizzazione della diversità e favorire la conoscenza e lo scambio tra famiglie sul tema della sindrome di Down.

Il progetto avrà un secondo step- commenta Barbara Pierri– presidente di Pianeta 21- a partire da settembre continueremo a svolgere tale progettualità accogliendo nuove famiglie e promuoveremo una prima campagna comunicativa per favorire la conoscenza della nostra associazione ed estendere questa positivissima esperienza di raccordo con tutti i punti nascita presenti nella provincia di Salerno.